• Beatrice Verga

19 marzo: la festa del papà

Il 19 marzo, in Italia, è la festa del papà, nata con lo scopo di celebrare il ruolo dei padri all’interno di una famiglia e nella società. Il giorno di questa celebrazione varia da paese a paese, dal momento che ognuno sceglie in base alla propria storia e le proprie tradizioni, ma nel mondo i papà vengono celebrati sin dal Medioevo; un riconoscimento laico del ruolo paterno, tuttavia, si registrò solo nel 1910, anno in cui fu promosso il primo Father’s Day dalla signora Sonora Smart Dodd in onore del padre, un soldato che era caduto in battaglia durante la Guerra di Secessione. Secondo la tradizione cattolica, il 19 di marzo sarebbe il giorno attribuito alla morte di san Giuseppe: il culto del padre putativo di Gesù era già praticato nell’Alto Medioevo, ma solo nel 1479 papa Sisto IV inserì la festività nel calendario romano e la giornata rimase festiva sino al 1977, anno in cui divenne giorno feriale (è da notare, comunque, che in Canton Ticino, in altri cantoni della Svizzera e in alcune zone della Spagna è ancora considerato festivo). Ovviamente, non potevano mancare dei cibi legati alla ricorrenza: in questo caso sono comuni le zeppole di San Giuseppe, originariamente napoletane, che vengono cucinate in tutta Italia, mentre altre tradizioni, sempre internazionali, sono i Bignè di San Giuseppe, cucinati a Roma, o le frittelle di riso, preparate in Toscana e in Umbria.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti