• ilgibi

Alfred Nobel e il premio per l’innovazione

Il 1867 segnò un punto di svolta grazie all’invenzione del chimico Alfred Nobel: ideando la dinamite, lo scienziato cambiò il modo di vedere dell’intera comunità scientifica. Nobel progettò un esplosivo a base di nitroglicerina, una sostanza che genera enormi esplosioni al minimo urto (e per questo fu soprannominato il “mercante della morte”): la dinamite era fabbricata in modo tale che la nitroglicerina venisse assorbita dal candelotto, rendendola resistente agli urti, e rendendone così possibile il trasporto. La dinamite poteva essere innescata solo attraverso una miccia posizionata esternamente al candelotto e si iniziò ad utilizzarla nelle cave, nelle demolizioni e a scopi militari, rendendo Nobel ricco in poco tempo. Due fatti curiosi caratterizzarono la sua vita dopo la scoperta: nel 1888, a seguito della morte di suo fratello, un giornale fece uno scambio di identità fra i 2, affermando che il mercante della morte fosse morto: Nobel lesse la notizia e rimase fortemente turbato. Nel 1895, poi, lo scienziato donò tutto il proprio patrimonio per istituire il premio che oggi porta il suo nome. Il “Premio Nobel”, secondo quanto richiesto dal suo inventore, viene conferito ogni anno a coloro che ottengono importanti risultati in ambito scientifico e umanistico; 5 possono essere le tipologie di premio: nobel per la chimica, per la fisica, per la medicina, per la letteratura e per la pace. E’ da sottolineare il fatto che, grazie all’istituzione di questo premio, molte personalità -tra cui Marie Curie o Martin Luther King Jr.- sono state messe in risalto mostrandoci il potere della scienza e delle parole.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti