• Bianca Barchiesi

L’Italia e gli obiettori di coscienza

In italia le donne hanno il diritto di interrompere la gravidanza, entro certo limiti temporali, anche se risulta spesso difficoltoso sottoporsi a questo intervento. Infatti, nonostante questo diritto sia tutelato dalla legge 194, essa prevede che i medici abbiano la possibilità dell’obiezione di coscienza. Questo aspetto è oggetto di molte polemiche, data anche l’elevata percentuale di ginecologi obiettori in Italia, che, dopo l’aggiornamento del 2018, è arrivata a quasi il 70%. Inoltre, altro dato di forte impatto, almeno in 15 ospedali italiani non è possibile abortire, poiché nessun ginecologo è favorevole a eseguire l’intervento. Ci sono però delle limitazioni, l’obiezione di coscienza non può essere invocata nel momento in cui l’intervento del personale sanitario è fondamentale per salvare la vita della donna. In secondo luogo il medico obiettore non può rifiutarsi di assistere la donna, poiché verrebbe considerato il reato di rifiuto di atti d'ufficio.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti