• Claudia La Clava

Recensione libro - Macbeth

Aggiornamento: 4 apr

Dalla più breve delle tragedie shakespeariane si evince la ricerca costernata, dipendente e affamata del potere assoluto. È un’ambizione avida e mai sazia, così feroce che porta a compiere le peggiori azioni, infime e vergognose, dove il culmine è irrimediabile: il sanguinoso delitto. Emergono i più interessanti e nascosti, talvolta terrificanti lati psicologici dell’uomo e soprattutto quanto egli sia disposto a rovinare la propria morale per raggiungere l’aureo podio tanto ricercato. Così, in cinque atti adornati dal mistero dell’affascinante destino, Macbeth, dapprima onesto e fedele generale poi re di Scozia, perde di vista la realtà e assieme alla sua coniuge-complice precipita nell’incubo della logorante coscienza che non esita a sottolineare gli sbagli commessi, portando alla pazzia.

81 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti